lunedì 20 febbraio 2017

Vetrina del 20 febbraio 2017

Uscite della settimana
(I titoli in verde sono inediti in Italia)
Costo totale delle novità della settimana: 40,66

Collana Avventura 61, I Fumetti de La Gazzetta Dello Sport - € 3,99


Bob Morane (Bob Morane, Le Lombard)
di Henri Vernes (t) e Coria (d)
32 - Il presidente non morirà (Le président ne mourra pas, 1983)
33 - I cacciatori di dinosauri (Les chasseurs de dinosaures, 1984)


Gli albi del west 2, I Fumetti de La Gazzetta Dello Sport - € 3,99


Durango (Durango, Edition des Archers)
di Yves Swolfs (t/d)
3 - Trappola per un killer (Piège pour un tueur, 1983)
4 - Amos (Amos, 1984)


Tintin 9, I Fumetti de La Gazzetta Dello Sport - € 7,99


Tintin (Tintin, Casterman)
di Hergé (t/d)
9 - Il granchio d'oro (Le Crabe aux pinces d'or, 1941)


Thorgal 39, I Fumetti de La Gazzetta Dello Sport - € 2,99


Thorgal (Thorgal, Le Lombard)
di Yves Sente (t) e Grzegorz Rosinski (d)
32 - La battaglia di Asgard (La Bataille d'Asgard, 2010)


Asterix 10, Panini Comics - € 4,50


Asterix (Asterix, Dargaud)
di René Goscinny (t) e Albert Uderzo (d)
15 - Asterix e la Zizzania (La zizanie, 1970)


Rugbymen 3, Corriere dello sport-Stadio-Tuttosport - € 5,99


Rugbymen (Rugbymen, Bamboo)
di Béka (t) e Poupard (d)
2 - Se non vinciamo… perdiamo (Si on gagne pas, on a perdu!, 2005)


Assassins Creed 8, Corriere dello sport-Stadio-Tuttosport - € 4,99


Assassin's Creed (Assassin's Creed, Les Deux Royaumes)
di Éric Corbeyran (t) e Djillali Defali (d)
2 - Aquilus (Aquilus, 2010)


Giornalino 8, Periodici San Paolo - € 2,30

Kid Lucky (Kid Lucky, Lucky Productions)
di Achdé (t/d)
4 - tavola (Lasso périlleux, 2013)



Serie verde 42, Editoriale Cosmo - € 4,90


Termite bianca (Fourmi blanche, Pavesio)
di Marco Bianchini e Marco Santucci (t) e Patrizio Evangelisti (d)
3 - Caccia spietata (Chasse Impitoyable, 2007)


Lanciostory 2185, Editoriale Aurea - € 3,00


La battaglia (La bataille, Dupuis)
di Frédéric Richaud (t) e Iván Gil (d)
1 - La battaglia 1 (Tome 1, 2012) 2a parte

I giorni felici (Les jours Hereux, Le Lombard)
di Éric Warnauts (t) e Raives (d)
1 - (senza titolo) (Expo 58, 2015) 3a parte

Aria (Aria, Le Lombard)
di Michel Weyland (t/d)
10 - Occhio d'angelo (Oeil d'ange, 1988) 3a parte


Skorpio 2086, Editoriale Aurea - € 3,00

Bagdad Inc. (Bagdad Inc., Le Lombard)
di Stephen Desberg (t) e Thomas Legrain (d)
4a parte (2015)

Il concilio degli alberi (Le concile des arbres, Dargaud)
di Pierre Boisserie (t) e Nicolas Bara (d)
2a parte (2016)

Quintett (Quintett, Dupuis)
di Frank Giroud (t) e Giulio De Vita e Cyril Bonin (d)
1 - Primo movimento: storia di Dora Mars (Premier mouvement : Histoire de Dora Mars, 2005) 2a parte



Ancora in edicola


Historica 52, Mondadori Comics - € 12,99

Il fronte orientale (L'armée de l'ombre, Paquet)
di Olivier Speltens (t/d)
3 - Terra bruciata (Terre brûlée, 2015)
4 - Eravamo uomini (Nous étions des hommes, 2016)


Collana Fantastica 29, Mondadori Comics - € 14,99

I maestri inquisitori (Les maîtres inquisiteurs, Soleil)
di Sylvain Cordurié (t) e Jean-Charles Poupard (d)
5 - Aronn (Aronn, 2016)
di Jean-Luc Istin (t) e Stefano Martino (d)
6 - Aronn (À la lumière du chaos, 2017)


Serie rossa 52, Editoriale Cosmo - € 5,00

Antartico (Antarctica, Glénat)
di Jean-Claude Bartoll (t) e Bernard Köllé (d)
1 -  (Jeu de dupes, 2014)
2 -  (Hivernage, 2015)
3 -  (908 Sud, 2016)


Serie arancione 14, Editoriale Cosmo - € 6,90

Sette (Sept, Delcourt)
di Michaël Le Galli (t) e Francis Manapul (d)
5 - Sette guerriere (Sept guerrières, 2008)
di Jean-David Morvan (t) e Hikaru Takahashi (d)
6 - Sette Yakuza (Sept Yakuzas, 2008)


AureaComix Linea BD 15, Editoriale Aurea - € 9,90

Barracuda (Barracuda, Dargaud)
di Jean Dufaux (t) e Jérémy (d)
5 - Cannibali (Cannibales, 2015)


Lanciostory Maxi 19, Editoriale Aurea - € 4,90

Jessica Blandy (Jessica Blandy, Dupuis)
di Jean Dufaux (t) e Renaud (d)
1 -  (Souviens-toi d'Enola Gay…, 1987)


venerdì 17 febbraio 2017

Bob Morane di Coria - prima parte


Nel 1979 William Vance non ha più tempo per continuare a disegnare Bob Morane, o meglio dopo diciotto episodi vuole smettere per potersi dedicare ad altro, per creare qualcosa di nuovo. A chi far proseguire la serie che da qualche anno è pubblicata a puntate sul settimanale Tintin? A lui e a Henri Verne viene naturale di proporla a Felicissimo Coria, da tempo collaboratore del disegnatore di cui è anche il cognato.


Dalla metà degli anni 60 Coria è l’assistente di Vance e prima di Bob Morane ha realizzato gli sfondi di Ringo e Bruno Brazil. Dopo molti anni di gavetta e di corsi di disegno, dal 1977 realizza anche autonomamente numerose storie di quattro pagine per il settimanale belga, si tratta brevi episodi di vita vissuta raccolti sotto la sigla Authentique e affidate a diversi sceneggiatori e disegnatori, per lo più debuttanti.


Un lavoro più impegnativo lo vede alle prese con Vega, le imprese di un conquistador spagnolo in un nuovo mondo dove scorrazzano alieni e UFO scritte da Desberg, del quale disegna anche la prima e unica avventura lunga a puntate.


Lo stile di Coria è fortemente segnato dalla lunga esperienza di aiutante di Vance, ma del suo maestro non ha né la creatività né la maestria grafica, soprattutto nell’impostazione della pagina e delle vignette. Il suo è un lavoro molto di maniera, accademico e freddo, a volte poco fluido e con qualche incertezza anche nelle proporzioni e nella prospettiva, non compensato da originalità e dinamismo.



Tuttavia è stato Felicissimo Coria quello che ha realizzato il maggior numero di storie di Bob Morane, facendo vivere l’eroe sulle pagine di Tintin fino alla morte del settimanale “per i giovani dai 7 ai 77 anni” e oltre, realizzando dall’abbandono di Vance al 2012 una quarantina di episodi.



Ecco la cronologia delle prime tredici da lui disegnate, quelle apparse a puntate su Tintin fino al 1988, anno di cessazione della pubblicazione della rivista.

Sono indicate la prepubblicazione a puntate, la prima pubblicazione in album Dargaud corrispondente all’attuale Le Lombard in volumi singoli e quella nella prima integrale “non definitiva” pubblicata a partire dal 1995 al 2004, l'eventuale tipo di corrispondenza con i romanzi.


- Opération Wolf (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.39 (23.09.79) al n.2 (08.01.80)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.28 del 1980
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 7
adattato da un romanzo del 1963

- Operazione Wolf
Collana Avventura 59, Gazzetta dello Sport 2017


- Commando Épouvante (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.25 (17.06.80) al n.38 (16.09.80)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.28 del 1981
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 9
adattato da un romanzo del 1970

- Il Commando del terrore
Collana Avventura 59, Gazzetta dello Sport 2017


- Les guerriers de l’Ombre Jaune (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.12 (24.03.81) al n.20 (19.05.81)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.28 del 1982
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 10
adattato da un romanzo del 1965

- I guerrieri dell’Ombra Gialla
Collana Avventura 60, Gazzetta dello Sport 2017


- Service Secret Soucoupes (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.41 (13.10.81) al n.48 (01.12.81)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.28 del 1982
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 9
adattato da un romanzo del 1964

- Servizio Segreto Spaziale
Collana Avventura 60, Gazzetta dello Sport 2017


- Le président ne mourra pas (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.23 (08.06.82) al n.30 (27.07.82)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.28 del 1983
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 10
adattato da un romanzo del 1965

- Il presidente non morirà
Collana Avventura 61, Gazzetta dello Sport 2017


- Les chasseurs de dinosaures (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.6 (08.02.83) al n.14 (05.04.83)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.28 del 1984
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 11
adattato da un romanzo del 1957

- I cacciatori di dinosauri
Collana Avventura 61, Gazzetta dello Sport 2017


- Une rose pour l’Ombre Jaune (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.51 (20.12.83) al n.7 (04.02.84)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.28 del 1984
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 11
adattato da un romanzo del 1970

- Una rosa per l’Ombra Gialla
Collana Avventura 62, Gazzetta dello Sport 2017


- La guerre des baleines (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.46 (13.11.84) al n.1 (01.01.85)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.35 del 1985
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 7
adattato da un romanzo del 1963

- La guerra delle balene
Collana Avventura 62, Gazzetta dello Sport 2017


- Le réveil du Mamantu (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.37 (10.09.85) al n.45 (05.11.85)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.36 del 1986
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 7
adattato da un romanzo del 1958 (Les géants de la Taiga)

- Il risveglio di Mamantu
Mondo Erre 1/6 2001 Editrice Elle Di Ci
Collana Avventura 63, Gazzetta dello Sport 2017


- Les fourmis de l’Ombre Jaune (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.12 (18.03.86) al n.21 (20.05.86)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.37 del 1987
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 11
adattato da un romanzo del 1974

- Le formiche dell’Ombra Gialla
Collana Avventura 63, Gazzetta dello Sport 2017


- Le dragon des Fenstone (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.2 (06.01.87) al n.11 (10.03.87)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.38 del 1988
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 8
adattato da un romanzo del 1961 


- Les otages de l’Ombre Jaune (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.33 (11.08.87) al n.42 (13.10.87)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.39 del 1988
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 10
adattato da un romanzo del 1959 (L'Ombre Jaune)


- Snake (46 planches)
Tintin ed.belga dal n.9 (23.02.88) al n.18 (26.04.88)
Album Dargaud (poi Le Lombard) n.40 del 1989
Integrale Dargaud/Le Lombard (1995-2000) 16
adattato da un romanzo del 1980

mercoledì 15 febbraio 2017

Le tre isole di Tintin




Tutte le avventure di Tintin disegnate prima e durante la seconda guerra mondiale hanno avuto delle vicissitudini editoriali nel passaggio dalla versione prepubblicata a puntate a quella in volume, ma L’isola nera, settima della serie, è un caso che presenta degli aspetti del tutto particolari e unici.



La storia non si svolge più fuori dall’Europa infatti inizia in Belgio, per proseguire in Scozia passando per l’Inghilterra meridionale. Quindi Tintin dopo tante avventure in paesi lontani rientra in Europa. Essendo, poi, un racconto basato su continui inseguimenti e fughe in pratica c’è un’evoluzione nella realizzazione delle storie poiché l'autore fa un uso massivo della tecnologia: la televisione, gli aerei, la stampa di quotidiani e di banconote false!



Inoltre si intensifica il legame con l’attualità dell’epoca, infatti dopo i sovietici, il colonialismo, i gangster, il traffico di armi e di oppio, le invasioni territoriali, il petrolio e i mercanti di morte, troviamo i falsari che vorrebbero minare la stabilità economica dell’Occidente. C'è anche la leggenda della “bestia” racchiusa in un castello diroccato in un’isola, chiaro richiamo al film King Kong del 1933, che riporta anche al mito del Minotauro. O quanto meno, svolgendosi l'azione in Scozia, a Nessie, il mostro di Lochness, le cui prime presunte apparizioni furono pubblicate sui quotidiani proprio in quegli anni.



Il gorilla Ranko non risulta, però, una creazione animaliera simpatica, la sua raffigurazione non ha nulla a che vedere con i quadrumani creati dal bravissimo André Franquin nei vari episodi di Spirou e Fantasio.



Non solo ma la connessione fra realtà e fiction si nota fin dalla prima vignetta della prima versione in cui Hergé riporta una foto di Tintin in un quotidiano che lo mostra mentre passeggia in campagna mentre nella vignetta successiva lo disegna nella realtà fittizia del racconto proprio in quello scenario.



Quindi troviamo una sorprendente “mise en fiction” che utilizza la stampa come rappresentazione del reale e la vignetta come fiction, impostazione che si ripete alla fine della storia con la pagina intera del Morning News che racconta l’accaduto con quattro foto, utili per sintetizzare spiegazioni che peraltro sarebbero state lunghe e noiose [Frederic Soumois, 1987]. Hergé, dunque, affina sempre più la propria tecnica fumettistica.



Milou cresce nel ruolo di spalla che salva Tintin e che utilizza ingegnosamente tutti i mezzi che il mondo circostante gli offre per tale scopo. Simpatica la fuga sul treno in un vagone pieno di whisky della marca Johnnie Walker (altro accenno alla realtà) dove, mentre Tintin sta in guardia, alle sue spalle il cane approfitta di una perdita dall’involucro del vagone per rimpinzarsi di whisky e ubriacarsi. Whisky che il fedele cane ritorna a gustare nelle pagine successive creando un sospetto, mai provato, di alcolismo da parte dell’autore, sospetto che si avvalorerà con la comparsa del capitano Haddock!
Per contestualizzare le avventure del reporter con il ciuffo l’autore utilizza nomi propri reali ma storpiati, possibilmente con un doppio senso nascosto.



L’Isola nera è l’unico racconto di Hergé ad avere beneficiato di ben tre versioni completamente differenti, a partire dalla pubblicazione sul Petit Vingtième, cominciata il 15 aprile del 1937 come al solito nelle pagine centrali del supplemento settimanale al quotidiano e in bianco e nero con il titolo generico Les nouvelles aventures de Tintin et Milou, un mese e mezzo dopo la fine del precedente episodio.



Nella versione francese per il settimanale Cœurs Vaillants della Fleurus avrà prima il titolo Sur la piste du mystére e poi Tintin et le mystére du l’avion gris. Solo nella successiva versione in album della Casterman ci sarà l'azzeccato titolo definitivo L’Ile noire.



Dal mese di dicembre 1937 le due tavole con Les nouvelles aventures de Tintin sono stampate con l’aggiunta di due colori, rosso e verde. Questa colorazione, cosiddetta di sostegno, viene fatta solo per la copertina e le pagine centrali del fascicolo. Quasi la metà della storia appare quindi sul Petit Vingtiéme in questa versione arricchita.



Casterman però si aspetta di stampare successivamente un album in bianco e nero, pertanto Hergé mantiene in tutto le tavole i retini in modo che siano mantenuti i grigi fondamentali in assenza del colore per evitare l’appiattimento della resa. Alla fine del 1938 viene pubblicato il volume, tutto in bianco e nero, con l’aggiunta di quattro tavole fuori testo a colori.


Nel 1943, dopo che con la decima avventura di Tintin, La stella misteriosa, Hergé ha stabilito un nuovo modello per le edizioni in volume, ovvero 64 pagine a colori, L’isola nera è una delle prime che viene rilavorata, rimontando, adattando e ricolorando le tavole originali a sei vignette di base. Questa versione sarà ristampata sino all’inizio degli anni sessanta, quando comincia a risentire dei segni del tempo.



L’occasione è fornita da una richiesta di Methuen, l’editore inglese di Tintin, di apportare delle modifiche per i numerosi errori fatti a suo tempo da Hergé sulla realtà inglese. L’avventura si svolge in Inghilterra e in Scozia e gli ambienti, ma soprattutto la rappresentazione dei britannici, potrebbero risultare fuori tempo e fuori luogo per cui ci sarebbe stato uno scarto troppo evidente con le storie ben documentate del ciclo lunare e dell’Affare Girasole.





Un intervento solo su specifiche vignette, che non sarebbero poi poche, avrebbe prodotto un risultato decisamente discutibile per l’evidente differenza di stile nel disegno. A questo punto Hergé decide di sfruttare i suoi Studios Hergé e il personale altamente qualificato, fra cui il suo principale collaboratore, Bob De Moor.



Grazie al loro aiuto e alla ricerca di un’impressionante mole di documentazione (Bob de Moor viene inviato per qualche tempo nel Regno Unito) vede la luce la terza ed ultima e definitiva versione. In essa la fedeltà al reale è quasi maniacale, il racconto è esteticamente ineccepibile ma ricreare una Gran Bretagna negli Anni Sessanta su una storia immaginata dall’autore negli Anni Trenta è stata una forzatura per cui il racconto ha perso molta della sua freschezza e l’abbondanza di dettagli opprime la semplicità della prima versione.



Questa terza versione dell’Isola Nera viene presentata a puntate sul settimanale Tintin dal n.22 dell’1 giugno 1965 e pubblicata in volume l’anno successivo, con una nuova illustrazione di copertina. Ed è questa versione quella che è contenuta nella collana della Gazzetta dello Sport.



Un ampio dossier sulle vicende editoriali dell’Isola nera è stato realizzato da Etienne Pollet e pubblicato nel 2005 da Casterman, con una dettagliata cronologia di tutti gli eventi relativi, con gli scambi epistolari tra Hergé e Charles Lesne di Casterman e il confronto puntuale delle tavole nelle tre diverse edizioni. Questo fondamentale volume di grande formato consente una approfondita conoscenza della genesi dell'Isola Nera e una valutazione puntuale dei cambiamenti via via effettuati da Hergé.